A+ A A-

Esami di Stato 2017: messaggio di auguri

Esami di Stato 2017:

il messaggio del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna Stefano Versari

leggi il messaggio

Mi associo  alle bellissime parole del Dott. Versari rivolte a Voi ragazzi e ragazze che state per affrontare una delle prove più importanti della vostra vita.

In bocca al lupo e avanti con tenacia, serenità , gioia nel proseguire il Vostro percorso di vita

DS MILENA PRANDINI

 

 

Visite: 92

GALILEI VOLLEY: 5° POSTO AI NAZIONALI

È iniziato tutto ai primi di maggio, quando siamo andati a Modena a disputare la fase finale dei campionati studenteschi provinciali. Mi ricordo bene quel giorno, memori delle delusioni dei due anni precedenti, eravamo tutti molto motivati e determinati. Sapevamo bene che quella sarebbe stata l'ultima occasione per dimostrare quanto quel gruppo era valido ed ero certo che quella volta non ci saremmo lasciati scappare l'occasione. Tutta la nostra cattiveria agonistica è emersa già nella prima partita dove ci siamo ritrovati ad affrontare una scuola di Sassuolo, che aveva davvero poche pretese e a cui non abbiamo lasciato nessuno scampo. In finale abbiamo trovato la rappresentativa del Tassoni, squadra di tutt'altro calibro, con giocatori che conoscevo e che potevano farci male. Nel primo set si è vista tutta la forza del gruppo e nonostante la vittoria di misura, siamo riusciti a spuntarla avendo sempre il set in mano. Il secondo set invece ha avuto tutta un'altra storia, ci siamo ritrovati subito a rincorrere un Tassoni molto motivato e cattivo, nonostante un “rimontone” nel finale, perdiamo 25-24. Chi conosce la pallavolo sa bene che questo risultato non è ammesso nel regolamento ufficiale, ma essendo un campionato studentesco questa ed altre regole sono state modificate. Ma torniamo alla partita, eravamo giunti al momento della verità: perdere quel set sarebbe stata l'ennesima delusione mentre vincere significava andare a Cesenatico e disputare i campionati studenteschi regionali. Ebbene, quello non era il giorno in cui avremmo perso: travolgiamo il Tassoni in 3 rotazioni con un parziale di 15-4. Si va a Cesenatico.

Il giorno della partenza per Cesenatico ci aspetta una levataccia, alle 6 dobbiamo partire da scuola. Un po’ assonnati arriviamo a Cesenatico, dove incontriamo subito Reggio Emilia. Anche in questo caso la squadra non è di altissimo livello, ma ci mette più in difficoltà del previsto, riusciamo a spuntarla ugualmente 2-0. Subito dopo ci scontriamo con Ravenna, squadra molto competitiva che probabilmente è anche più forte di noi. Siamo giunti al momento più significativo di tutta la nostra esperienza ai campionati studenteschi. Siamo 24-21 per loro, a loro basta un solo punto per vincere il set, battono loro, riceviamo, alzata dietro per me, attacco e faccio punto in diagonale: 24-22. Va in battuta Filippo, la tensione è altissima, battuta positiva, ricezione pure, palleggio ottimo, l’attaccante schiaccia ma trova il mio muro, punto per noi: 24-23. Torniamo in battuta, l'azione è identica, palla sempre allo stesso attaccante, vado a muro, attacca e la palla passa vicinissima alle mie dita ed esce, loro protestano ma l’arbitro non cambia idea: 24-24. Ultima azione, chi fa punto vince il set, con le squadre più tese che mai torniamo al servizio e Filippo... fa ace. Abbiamo vinto il set, esplodiamo. La partita continua: vinciamo 2-0.  Il giorno dopo ci giochiamo l'accesso ai campionati studenteschi nazionali: riusciamo a battere Forlì abbastanza agevolmente, con Rimini la partita è molto equilibrata, lottiamo punto a punto, alla fine la tenacia ci premia e vinciamo. Contentissimi e soddisfatti torniamo all'hotel per le premiazioni dove scopriamo anche il luogo dove si svolgeranno i campionati studenteschi nazionali: Teramo.

Il 5 giugno partiamo per Teramo, il viaggio è lungo e stancante ma al nostro arrivo c'è ad accoglierci una bellissima struttura di villeggiatura sul mare. In serata scopriamo le squadre che dovremo affrontare l'indomani: Piemonte e Sicilia. La prima partita ce la giochiamo contro il Piemonte, sono una squadra che ci sovrasta fisicamente e, come se non bastasse, scopro che hanno appena finito i campionati nazionali di categoria under 16. Penso: "ottimo, peggio di così non poteva andare", ma, contro tutti i pronostici partiamo fortissimo e ci ritroviamo 15-8. Siamo tutti veramente carichi e motivati, ci eravamo dimenticati che dall’altra parte della rete c’era una squadra sulla carta più forte di noi. All'improvviso qualcosa si spezza, probabilmente loro si svegliano e noi caliamo, tant'è che il turno in battuta del loro palleggiatore è devastante, finisce 25-22 per loro. Lo sconforto stava per assalirci ma eravamo coscienti che non poteva finire così la nostra avventura ai nazionali, perché un 2-0 ci avrebbe confinato alle zone basse della classifica: rientriamo in campo con questa consapevolezza, e riusciamo a spuntarla 28-26. Il terzo set è la fotocopia del primo, senza però il nostro vantaggio iniziale, finisce 15-3 per i piemontesi: probabilmente la mia peggior sconfitta di sempre.

Gli incontri continuano: vinciamo 2-0 contro la Sicilia. Il nostro girone lo vince il Piemonte ma, ci aggrappiamo all'idea di poter essere fra le due miglior seconde. Ed è proprio cosi: ci aspettano le Marche classificate prime. Contentissimi di avere ancora l'opportunità di giocarci le posizioni alte, non ci demoralizziamo alla notizia che le Marche sono campioni in carica da ben tre anni.

Il giorno seguente affrontiamo le Marche, già dal riscaldamento capiamo che sarà durissima, sono una squadra molto affiatata e coesa, ma nonostante la tensione, il primo set ce lo giochiamo alla pari e arriviamo a 21-21, ma sul finale del set caliamo e complice qualche scelta molto contestabile dell'arbitro ci arrendiamo 25-23. Peccato, ero convito che ce l'avremmo potuta fare. Il secondo set partiamo male e nonostante qualche cenno di recupero a metà set, finisce 25-19 per loro.

Non ci rimane che giocare la partita con la Liguria, riusciamo a vincere 2-0, questo ci fa qualificare per la finale 5°-6° posto contro l’Abruzzo. Nel primo set con gli abruzzesi diamo il peggio di noi, forse per la stanchezza o forse per il fatto di giocare per posizioni poco rilevanti, perdiamo il primo set 25-19 contro una squadra che era evidentemente inferiore a noi. Il secondo e terzo set la musica cambia, probabilmente spinti dal fatto di non voler finire un’avventura del genere con una sconfitta: siamo 5° in Italia.

Tirando le somme, questa esperienza è stata straordinaria, qualche rammarico per il risultato ottenuto ce l'ho, ma c'è la consapevolezza che c'erano sicuramente almeno 2 squadre più attrezzate di noi.

Alla fine di quest’avventura voglio ringraziare il Prof. Canossa Gianluca, coach della nostra squadra, e il prof. Bottecchi Paolo, valida spalla del coach e nostro accompagnatore. Un altro ringraziamento va anche alla nostra preside Milena Prandini, che ci ha permesso di vivere questa esperienza.  Infine, viene il grazie ai miei compagni, con cui ho condiviso sia vittorie incredibili sia pesanti sconfitte, ma assieme abbiamo creato un gruppo affiatato e siamo riusciti a mantenerci uniti.

Elenco atleti: Bergamini Filippo, Capua Luca, Corradi Leonardo, Ferrari Niccolò, Grana Gianluca, Gulinelli Paolo, Pinca Lorenzo, Secco Daniele, Secco Davide, Stefanini Leonardo, Vizzino Mattia.

 

Davide Secco, studente e opposto del G.Galilei

 

 

Visite: 176

Progetto EUROCAMP 2017-18

Visite: 357

DOCUMENTO 15 MAGGIO 16-17

Visite: 453

Elenco News

ISS Galileo Galilei Mirandola - Powered by DWB Srl